Social housing Dobbiaco Sulzenhof

 

 

 

Dobbiaco (BZ)

2018

team di progettazione: OKAM Studio, Arch. M. Lameri, C. Comana (collaboratore), Ing. D. Musci (strutture), Ing. C. Locatelli (impianti),

cliente: IPES Bolzano

programma: concorso in due gradi per la progettazione di un edificio per sei alloggi IPES a Dobbiaco, area Sulzenhof.

stato: progetto premiato | 4° posto

 

Il concorso bandito dall’Istituto per l’edilizia sociale della Provincia di Bolzano richiedeva la progettazione, secondo requisiti di alta qualità stabiliti dall’ente, di un edificio residenziale con sei unità, sito nell’area di espansione Sulzenhof a Dobbiaco in Alta Val Pusteria. Il lotto si pone al limite del costruito, trovandosi al contempo pienamente rivolto al contesto paesaggistico.

La volumetria dell’edificio, esplicita i vantaggi che ne derivano in termini di spazio libero a disposizione e quelli di soleggiamento ed esposizione: la forma compatta consente di evitare zone d’ombra e di esporre a sud-ovest le zone giorno e la falda del tetto su cui installare i pannelli fotovoltaici.

L’architettura si integra nel contesto ambientale, consente un posizionamento altimetrico rispettoso dell’orografia originaria, senza eccessivi adeguamenti del terreno. Il progetto presenta un ritmo di pieni e vuoti che disegnano le facciate in modo coerente con l’orientamento: le ampie aperture verso sud-est che favoriscono le zone giorno e le finestrature adeguatamente misurate per le zone notte e i servizi a nord-ovest.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’edificio mostra con sincerità la sua geometria e le scelte materiche, lascia percepire ognuno dei fronti come un episodio che concorre con pari dignità alla definizione della composizione, senza fianchi secondari: nel monolite scavato negli angoli per necessità funzionale, le aperture concorrono all’armonia complessiva della forma.

Così come le falde del tetto in zinco si lasciano interrompere dalla necessaria esuberanza di abbaini e tettoie, che con altrettanta sincerità raccontano forma e dimensione degli spazi d’abitazione che contiene.

In un’ottica di flessibilità le piante dell’edificio distribuiscono i locali d’abitazione lungo un asse attrezzato: una soluzione che, oltre a consentire la corretta giustapposizione di spazi a diversa destinazione dei vari alloggi, consente una facile trasformazione nel tempo della dimensione degli appartamenti, per adeguarli alle mutate necessità.